Home / Software / Nutanix porta Beam nel private cloud aziendale
Nutanix porta Beam nel private cloud aziendale
I nuovi aggiornamenti apportati da Nutanix alla soluzione Beam assicurano la governance del cloud nelle distribuzioni cloud ibride

Nutanix porta Beam nel private cloud aziendale


I nuovi aggiornamenti apportati da Nutanix alla soluzione Beam assicurano la governance del cloud nelle distribuzioni cloud ibride

Nutanix, leader nell’enterprise cloud computing, annuncia importanti aggiornamenti per la propria soluzione Beam che ampliano le funzionalità di visibilità e ottimizzazione dei costi alle distribuzioni on-premise. Grazie a questi aggiornamenti, i clienti Nutanix potranno avere piena visibilità e una visione completa e dettagliata dell’intera infrastruttura, inclusi i cloud pubblici e privati, in modo da poter scegliere il cloud più adatto per ogni applicazione.

Per esempio, può essere più vantaggioso in termini economici utilizzare il cloud privato per le applicazioni più prevedibili, come quelle enterprise, il backup dei dati e i database, mentre i carichi di lavoro meno prevedibili, come i servizi mobile/digitali e IoT, possono essere più adatti ad essere gestiti dalle infrastrutture cloud pubbliche. Inoltre, Beam è ora in grado di fornire una visione globale multi-cloud permettendo ai clienti di visualizzare diversi modelli di spesa da un’unica dashboard, rendendo più semplice prendere decisioni che permettano di risparmiare e garantire la conformità con le normative.

Secondo un recente studio di IDC, “l’80% dei clienti segnala una inversione di tendenza con il ‘rientro’ on-promise dei carichi di lavoro da ambienti cloud pubblici” e sottolinea che “la complessità di gestire gli ambienti applicativi sempre più disaggregati e dispersi sta avendo come conseguenza una crescente attenzione sulla valutazione del TCO e sulla valutazione dei vantaggi offerti dal public cloud”.

Mentre le aziende si focalizzano sulla gestione delle distribuzioni di cloud pubblico per ottenere una maggiore visibilità su ciò che viene utilizzato, le implementazioni di cloud privato esistenti, inclusi potenziali risparmi sui costi, vengono spesso ignorate, dando luogo a un quadro incompleto dell’infrastruttura aziendale. Da oggi, Beam fornirà ai clienti visibilità dei costi relativi alle licenze software di Nutanix affinché i responsabili IT possano essere consapevoli del costo associato ai loro ambienti cloud privati Nutanix, così come alle implementazioni di cloud pubblico sulle piattaforme cloud più diffuse. Oltre ad avere piena visibilità di tutti i consumi relativi al cloud pubblico, i clienti Nutanix avranno visibilità di quanto stanno spendendo per ciascun cluster Nutanix installato e potranno sapere in anticipo quando avranno bisogno di aggiungere ulteriore software a seconda dei loro trend di consumo, il tutto all’interno di un’unica dashboard di gestione. Questa visione complessiva permetterà, quindi, ai clienti di gestire l’intero ambiente dell’infrastruttura IT.

 

“Stiamo crescendo ad un ritmo impetuoso e con un forte orientamento al cloud pubblico, ma assicurandoci di avere una visibilità granulare per avere il pieno controllo di eventuali eccessi di spesa”, ha dichiarato Anuj Gupta, CEO di Hitachi Systems Micro Clinic. “Quando abbiamo raddoppiato le nostre distribuzioni cloud, Nutanix Beam ha identificato così tante possibilità di risparmio che non abbiamo osservato alcun aumento della nostra spesa complessiva. Siamo entusiasti di poter avere la stessa visibilità anche per le nostre future implementazioni on-premise che ci garantiranno un’ottimizzazione dei costi complessiva della nostra infrastruttura multi-cloud”.

 

In aggiunta al supporto esistente per tutte le principali piattaforme di cloud pubblico, che fornisce ai clienti visibilità e governance per le loro distribuzioni di cloud pubblico, le nuove funzionalità di Beam per la governance dei costi sui cluster Nutanix offrono:

● Governance unificata per tutti i cloud: CIO e responsabili I&O possono controllare centralmente i consumi su cloud privati, pubblici e ibridi e prendere decisioni sui consumi futuri in modo più efficiente.

● Ottimizzazione continua dei costi: Beam conduce un’analisi intelligente dei trend di consumo del cloud per fornire un elenco del tipo di prodotto e la timeline per gli acquisti futuri, in modo da mantenere il costo del cloud ottimizzato sia per i cloud privati che pubblici.

● Analisi dei costi a livello di cluster: i clienti potranno vedere il costo dei cluster Nutanix che sono stati distribuiti e il costo delle licenze software assegnate a ciascun cluster.

 

“Il cloud ibrido non è più considerato una delle tappe del viaggio che porterà ad un futuro di cloud pubblico, bensì la principale destinazione proprio perché i clienti oggi vogliono beneficiare di tutti i vantaggi offerti dal cloud pubblico e privato”, ha commentato Sunil Potti, Chief Product and Development Officer di Nutanix. “Affinché ciò sia possibile, le aziende devono capire come utilizzano l’infrastruttura indipendentemente dalla piattaforma e da un’unica visuale. Nutanix Beam oggi fornisce quella visibilità necessaria ai clienti per prendere decisioni informate sull’intera infrastruttura”.

 

Disponibilità

Beam per le distribuzioni on-premise di Nutanix sarà disponibile entro la fine del 2018.


Potrebbe interessarti