Home / Sicurezza / NetApp e la protezione dei dati: il ruolo dei partner
NetApp e la protezione dei dati: il ruolo dei partner

NetApp e la protezione dei dati: il ruolo dei partner

Attraverso le partnership, specialmente quelle con Commvault e Veeam, NetApp si è impegnata a fornire soluzioni integrate ideali per proteggere il Data Fabric

Le aziende stanno lavorando duramente per tenere il passo con tassi di crescita dei dati, che sono senza precedenti. Secondo IDC, entro il 2025 i dati a livello mondiale cresceranno del 61%, fino a 175 zettabyte, e la maggior parte di questi risiederà nel cloud come nei data center. (Per chiarezza, uno zettabyte è pari a 1 sestilione di byte. Detto in un altro modo, 1 zettabyte è pari a circa mille esabyte, un miliardo di terabyte, o un trilione di gigabyte. Sono un sacco di byte!) Le aziende vogliono ricavare valore di business da tutti i loro dati e sfruttare l’economia, la scalabilità e le nuove capacità del cloud.

Ciò che vogliono i clienti

Man mano che la quantità di dati creati e memorizzati continua a crescere a ritmi vertiginosi, aumenta anche l’importanza della loro protezione per salvaguardare le informazioni da compromessi, corruzione e perdite. I responsabili IT dipendono sempre più dal backup e da un ripristino affidabile dei dati e vogliono eliminare la complessità della gestione. Oggi più che mai, la protezione dei dati è un’esigenza aziendale fondamentale. Secondo il Evaluator Group, infatti, il 50% delle organizzazioni ritiene che la protezione dei dati diventerà ancora più importante di quanto non lo sia oggi.

Il mercato della protezione e del recupero dei dati

Stando a quanto afferma IDC, l’opportunità di mercato per la protezione e il recupero dei dati (DP&R) è attualmente di 7 miliardi di dollari, con una crescita prevista di circa 8,7 miliardi di dollari entro il 2022.

IDC ritiene inoltre che il mercato del DP&R stia attraversando un periodo di cambiamento, guidato da nuove compute architectures (ad esempio, la virtualizzazione x86) e dalle relative modifiche allo storage stesso. I prodotti di backup e ripristino progettati e ottimizzati per gli ambienti tradizionali si devono evolvere per rispondere a requisiti fondamentalmente nuovi. Progettare un’unica soluzione per soddisfare le esigenze del panorama informatico in rapida evoluzione è un’impresa ardua, motivo per cui ci aspettiamo di vedere un cambiamento significativo nel mercato dei fornitori di protezione dei dati. Infatti, Evaluation Group riporta che il 57% delle organizzazioni intervistate ha dichiarato che probabilmente cambierà la propria soluzione di protezione dei dati entro i prossimi 2 anni. Pertanto, riteniamo che i fornitori di backup e ripristino debbano evolvere le loro capacità in attività di gestione dei dati di livello superiore, incentrate su un mondo ibrido multicloud.

Per accelerare la trasformazione digitale, le organizzazioni data driven stanno costruendo infrastrutture per semplificare e integrare la gestione dei dati attraverso il cloud e on-premise; noi lo chiamiamo Data Fabric. Un fondamento chiave del Data Fabric è la protezione dei dati.

La protezione dei dati può essere una sfida per le organizzazioni di tutte le dimensioni. La complessità della gestione sta facendo lievitare i costi e non si adatta alla nuova generazione di generalisti dell’informatica. Infine, sta aumentando la pressione per generare un valore incrementale dai dati secondari.

NetApp e i nostri partner si sono uniti per fornire soluzioni integrate di protezione dei dati ideali per proteggere il Data Fabric, consentendo alle organizzazioni di salvaguardare i dati ovunque, semplificandone la gestione e creando valore.

World Class Partnerships 

NetApp, insieme alle soluzioni integrate dei partner, offre una protezione e una gestione completa dei dati in tutto il Data Fabric. NetApp ha una lunga storia di successi sia con Commvault che con Veeam. Entrambe le società hanno dimostrato un comprovato impegno a lungo termine nel portafoglio NetApp e offrono un valore aggiunto e una protezione dei dati ampliata per il NetApp Data Fabric con soluzioni completamente integrate. E sia Commvault che Veeam sono stati nominati leader nel Magic Quadrant di Gartner per le soluzioni di backup e ripristino DC.

Entrambe le società offrono un significativo valore aggiunto quando necessario:

  • Storage eterogeneo su più piattaforme
  • Un unico punto di vista sull’intero panorama della protezione dei dati
  • Ulteriori capacità di automazione e di orchestrazione
  • Tape management

Già dal 2018 soluzioni complete sono state incluse nel listino prezzi di NetApp

Commvault

Commvault è ampiamente e profondamente integrato con NetApp ONTAP, con i sistemi della serie E, NetApp HCI e StorageGRID in ambienti fisici (NFS, NAS, ecc.) e virtuali, con NetApp Snapshot™, con la replica e la clonazione di applicazioni con le piattaforme di storage primario NetApp. Questa soluzione altamente flessibile per ambienti complessi di classe enterprise e sistemi legacy ha portato alla nascita di migliaia di clienti in comune comuni tra Commvault e NetApp.

Veeam

NetApp e Veeam hanno unito le loro forze per offrire uno storage ad alte prestazioni con un’affidabile protezione dei dati progettata per ambienti virtuali. Veeam eccelle in ambienti totalmente virtuali con ONTAP, E-Series, NetApp HCI e StorageGRID. Questa partnership e i suoi vantaggi sono stati estesi a migliaia di clienti esistenti. La facilità di implementazione e la facilità d’uso rendono Veeam semplicissimo per molti clienti.

Qual è l’opportunità per i partner? 

I partner hanno l’opportunità di vendere e supportare una gamma completa di soluzioni per la protezione dei dati per tutti i segmenti di clientela, il che si traduce in un numero sempre maggiore di offerte per la protezione dei dati. Aggiungendo alla conversazione con un cliente l’offerta di backup di ripristino con può portare ad aumentare le dimensioni dell’affare dal 25% al 30%!

Tra le principali sfide per i clienti interessati a implementare una strategia di protezione dei dati c’è il fatto di ritenersi non in grado tenere il passo con la crescita dei dati e con la protezione virtuale, preoccupazioni sulla compatibilità con il cloud ibrido, sulla complessità e la scalabilità.

Potrebbe interessarti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*