Home / Interviste / NSX: la nuova frontiera della virtualizzazione secondo VMware
Franco Puricelli, Sales Manager di Systematika
Franco Puricelli, Sales Manager di Systematika

NSX: la nuova frontiera della virtualizzazione secondo VMware


Prestazioni superiori, sicurezza di nuova generazione e logiche software-defined per il data center del XXI secolo. La parola al leader mondiale nella virtualizzazione e al suo storico distributore in Italia

Matteo Uva, Channel Manager per l’Italia di VMware

Si chiama NSX ed è un prodotto “rivoluzionario” quando si parla di virtualizzazione dei sistemi informativi. Rende l’IT più robusto e agile allo stesso tempo, introducendo importanti novità anche a livello di sicurezza. Ne hanno parlato a Data Manager Matteo Uva, Channel Manager per l’Italia di VMware, che ha creato il software, e Franco Puricelli, Sales Manager del distributore a valore aggiunto Systematika.

“Nella nostra vision – spiega Uva – il data center va reso sempre disponibile e con potenza computazionale illimitata. Per ottenere questo risultato, ci ispiriamo al modello del cloud ibrido, dove il data center di un’azienda viene esteso con risorse e servizi di fornitori esterni“. Questo nuovo data center è guidato da logiche “software defined” e vede un nuovo ruolo anche per l’IT manager, che diventa di fatto un broker di servizi IT. “NSX è un prodotto chiave per VMware, il leader indiscusso nei servizi di virtualizzazione. La nostra vision di un data center allargato e software-defined si compone di due tasselli principali: la virtualizzazione degli apparati di rete e la sicurezza”, prosegue il manager. NSX interviene sulla configurazione della rete ma anche implementando un modello di cyber security inedito. “L’approccio tradizionale si concentra sul perimetro esterno del data center, ma secondo noi la vera sicurezza si costruisce dall’interno. NSX propone un modello innovativo basato sulla microsegmentazione, un tipo di sicurezza esteso a ogni singolo server, componente, applicativo e database”.

Le soluzioni di VMware sono veicolate al mercato tramite i distributori, e attraverso i rivenditori raggiungono poi i clienti finali. “Systematika è un partner storico dell’azienda, una realtà solida ed estremamente affidabile che oltre a distributore è anche authorised training centre di VMware per l’addestramento tecnico dei partner di canale e il supporto ai rivenditori. L’IT è e sarà sempre più centrale nel mondo del business, anticipando le esigenze del mercato, e secondo noi il futuro è il cloud ibrido che unisce la scalabilità a un maggior controllo del dato”. Franco Puricelli di Systematika sottolinea invece che “Siamo sempre stati riconosciuti dal mercato come un distributore dalle alte competenze ed estremamente focalizzato: in modo particolare negli ultimi 15 anni il nostro nome in Italia è stato accostato a quello di VMware, vendor per il quale siamo stati il primo distributore aperto in Italia e intorno al quale abbiamo costruito nel tempo la nostra proposta di tecnologie e servizi”.

NSX di VMware è un’occasione importante per creare valore da veicolare al mercato. La proposizione di questa soluzione richiede l’adozione di una strategia chiara e un impegno concreto per promuovere e sviluppare un livello ancora superiore di competenze e capacità. “La nostra expertise è a disposizione dei partner e anche della stessa VMware, che può appoggiarsi a noi per l’enablement del proprio canale. Si tratta di un mercato potenzialmente enorme ed è un’opportunità che vogliamo cogliere”. NSX è il punto di riferimento nell’offerta di VMware per la sicurezza del data-center. Questa evoluzione sposta il posizionamento del prodotto dalla “network virtualization”, ovvero l’infrastruttura, alla “cyber security”. La sicurezza diventa così un trigger per inserirsi nella discussione del Software Defined Datacenter che, attraverso NSX, consente di creare un layer di gestione centralizzato dei servizi erogati sia attraverso NSX sia di tutte le soluzioni dei vendor terzi che fanno parte dell’ecosistema. “Con la microsegmentazione si passa da un ambiente dove i sistemi tipicamente hanno un approccio ‘trust everyone’, praticamente impossibile da proteggere, a uno ‘zero trust’ senza cambiare l’hardware esistente”, prosegue il manager. E per continuare a essere un leader di mercato, Systematika vuole applicare anche in futuro un modello semplice ma efficace. “Ci basiamo sulle competenze e ci interessiamo di tutto ciò che riguarda le tecnologie emergenti di ecosistema VMware, sia on-premise, che ibridi o cloud”, conclude Puricelli.


Potrebbe interessarti