Home / Programmi di canale / Fortinet espande il partner program Fabric-Ready

Fortinet espande il partner program Fabric-Ready


Fortinet espande il partner program Fabric-Ready con nuovi Fabric Connector per automatizzare la sicurezza di ambienti multi-vendor. Con un clic, i Fabric Connector forniscono un’integrazione aperta con le tecnologie dei partner per automatizzare operazioni di sicurezza, policy e processi DevOps

Fortinet espande il partner program Fabric-Ready

 

Fortinet, leader mondiale nelle soluzioni di cybersicurezza integrate e automatizzate, ha annunciato i suoi nuovi Fabric Connector, che automatizzano le funzionalità operative in ambienti multi-vendor attraverso l’integrazione di API aperte (Application Programming Interfaces) con le tecnologie dei partner Fabric-Ready.

• In un clic, i Fabric Connector forniscono la connettività delle soluzioni Fortinet Security Fabric con l’ecosistema di sicurezza esistente dei clienti e forniscono l’automazione di cambiamenti operativi dinamici attraverso un unico pannello, eliminando i gap di sicurezza e di conformità.

• I tipi di Fabric Connector iniziali includono Cloud, SDN, Threat Intelligence Feeds, ITSM, strumenti di automazione, SSO/Identify, IaaS Visibility ed Endpoint/CVE.

• Il primo set di Fabric Connector offre la stretta integrazione con le infrastrutture e le soluzioni tecnologiche leader, tra cui Amazon Web Services (AWS), Cisco ACI, Google Cloud Platform, Microsoft Azure, Nuage Networks VSP, ServiceNow e VMware NSX.

• I clienti Fortinet beneficeranno immediatamente delle integrazioni Fabric Connector con l’ultima versione di FortiOS 6.0.

Integrazione one-click per la sicurezza e l’automazione delle operazioni

Molte organizzazioni oggi utilizzano prodotti, strumenti e applicazioni multi-vendor con metodologie di gestione della sicurezza isolate nei loro ambienti di rete. Secondo un recente report Gartner: “molti team di sicurezza hanno investito eccessivamente in una pletora di strumenti. Di conseguenza, soffrono anche di una complessità di notifiche e di console multiple e lottano per reclutare e mantenere i responsabili delle operazioni di sicurezza dotati dell’expertise e delle competenze adatte per utilizzare efficacemente tutti questi strumenti. In questo contesto, vi è una superficie di attacco in crescita che non è più limitata agli ambienti IT locali.”

La mancanza di integrazione tecnologica in questi ambienti complessi dei clienti, dal multi-cloud all’IoT, rende sempre più difficile la gestione e l’automazione delle modifiche operative dinamiche. Inoltre, i processi e gli strumenti DevOps generalmente non sono integrati con i processi di sicurezza, rallentando lo sviluppo delle applicazioni e il time to market.

Per affrontare le complessità delle aziende digitali odierne e ridurre i gap di sicurezza, Fortinet espande l’apertura della sua architettura Security Fabric attraverso i suoi Fabric Connector per estendere la visibilità e le funzionalità di gestione della sicurezza più in profondità nell’infrastruttura e nelle applicazioni dei partner Fabric-Ready.

I Fabric Connector aiutano i clienti a mantenere una posizione di sicurezza della rete costante con orchestrazione centralizzata di utenti, applicazioni e dati attraverso ambienti cloud ibridi, pubblici e privati. Consentono l’automazione dei flussi di lavoro, degli ambienti SOC, dei feed delle minacce e dell’automazione dei criteri di sicurezza attraverso i cloud man mano che vengono implementati nuovi servizi e applicazioni, eliminando la necessità d’intervento manuale.

I Fabric Connector collegano le soluzioni dei partner tramite i punti di integrazione API o attraverso l’ingegneria specializzata e sono immediatamente disponibili per i clienti attraverso il semplice download dei kit DevOps attivabili in un solo clic. Il design aperto dei Fabric Connector consente un’integrazione continua e approfondita con un numero crescente di componenti degli ecosistemi ed estende le funzionalità del Security Fabric a un’infrastruttura di terze parti convalidata.

Fortinet ha presentato il suo primo set di Fabric Connector caratterizzati dalle seguenti soluzioni tecnologiche all’avanguardia:

• Dynamic Policy – Cloud: AWS, Microsoft Azure, Oracle
• Dynamic Policy – SDN: Cisco Application Centric Infrastructure (ACI), Nuage Networks VSP, VMware NSX
• Security Incident Response/ITSM (IT Service Management): ServiceNow, Webhook
• Feed delle minacce: AWS Guard Duty
• Automation Action: AWS Lambda, FortiClient EMS Quarantine
• SSO (Single Sign-On)/Identity: Microsoft Active Directory, Radius
• Endpoint CVE (Common Vulnerabilities & Exposures): FortiClient EMS

I Fabric Connector sono disponibili gratuitamente per i clienti congiunti di Fortinet e dei partner Fabric-Ready come parte dell’ultima versione di FortiOS 6.0.

 

“Fortinet ha costruito un ampio ecosistema di partner leader del settore che sono integrati nell’architettura Fortinet Security Fabric utilizzando API e una varietà di script che utilizzano gli strumenti DevOps. L’introduzione della tecnologia Fabric Connector offre un livello di integrazione ancor più profondo per automatizzare e semplificare i servizi di sicurezza, la configurazione delle policy e la gestione operativa negli ambienti multi-vendor dei nostri clienti” – ha dichiarato John Maddison, senior vice president of products and solutions, Fortinet

“In Steelcase, produttore di mobili e attrezzature per ufficio di fama mondiale, utilizziamo soluzioni virtualizzate e basate su cloud in un ambiente eterogeneo per guidare la nostra attività. La perfetta integrazione della sicurezza in queste operazioni IT è fondamentale. Fortinet Security Fabric offre sicurezza ottimizzata per molteplici provider cloud e soluzioni di virtualizzazione che offrono prestazioni e scalabilità superiori. Le operazioni e le risposte di sicurezza automatizzate assicurano che i processi di sicurezza siano sincronizzati e che le modifiche aziendali siano ridotte al minimo. Inoltre, siamo anche in grado di implementare i nostri team di sicurezza IT su progetti strategici rispetto a compiti operativi ripetitivi” – ha commentato Frank Stevens, Senior Security Analyst di Steelcase.


Potrebbe interessarti