Home / Le Cover Story / ESET, come cambia la strategia di canale nell’era del GDPR

ESET, come cambia la strategia di canale nell’era del GDPR


Due chiacchiere con Katia Rovezzi, Channel Sales Manager di ESET Italia, che ci delinea i progetti dell’azienda di sicurezza digitale in ambito compliance dei dati

Se termini come trasformazione digitale, cloud, mobilità e smart working rappresentano per molte persone paradigmi di un nuovo modo di intendere il business, per ESET– nome di spicco della cybersecurity a livello mondiale -hanno dato vita a sfide concrete legate alla sicurezza delle nuove tecnologie. Infatti, maggiore produzione dei dati vuol dire anche più alto rischio di violazioni e furti, dunque un’accentuata attenzione a come difendersi, pensando alla prevenzione e – in questo frangente – alla compliance richiesta dal nuovo regolamento europeo. Per approfondire meglio la questione abbiamo posto alcune domande a Katia Rovezzi, Channel Sales Manager di ESET Italia.

Come è cambiata la strategia di canale di ESET nel corso degli anni?

ESET, che in Italia conta più di 3mila rivenditori, 83 dei quali con le massime certificazioni, è da sempre molto attenta alla crescita del canale, che rappresenta almeno i due terzi delle attuali vendite indirette. Per questo abbiamo introdotto importanti novità, per consentire ai partner di presentarsi non solo come fornitori di una soluzione antivirus ma in quanto consulenti esperti in sicurezza informatica. Molte sono le agevolazioni studiate per i rivenditori, dai corsi di formazione ai programmi cashback personalizzati, fino alle attività in co-branding e molto altro.

In che modo si differenzia l’approccio alle PMI con i soggetti corporate?

Abbiamo notato che, mentre da un lato le PMI preferiscono un “pacchetto unico” pronto da usare, dall’altro i clienti enterprise prediligono un approccio a 360 gradi. Per questa tipologia di azienda ci orientiamo su un’offerta variegata che non si ferma al tradizionale antivirus ma si estende verso altre soluzioni e servizi.

I partner godono di un percorso di certificazione e aggiornamento professionale?

Assolutamente sì. Come da Programma Partner di ESET, tutti i nostri partner Gold e Platinum hanno già acquisito le prime certificazioni mentre tutti i nostri partner possono mantenersi aggiornati seguendo ogni mese dei webinar molto interessanti svolti dai nostri esperti sulle molteplici soluzioni che offriamo. Oltre alle certificazioni, i webinar e il materiale informativo a loro completa disposizione, tutti i rivenditori hanno la possibilità di richiedere dei corsi ad hoc.

Spieghiamo l’offerta di ESET sul GDPR rivolta al canale.

Il GDPR rappresenta un grande impegno per le aziende ma allo stesso tempo è un’opportunità di business molto importante per il canale poiché la normativa interessa il 100% delle realtà professionali. ESET sostiene i propri partner proponendo un’offerta formativa completa che aiuta a comprendere quali sono i passi da compiere per raggiungere la conformità al nuovo regolamento europeo. A questo proposito abbiamo organizzato incontri in remoto ed eventi durante i quali i nostri esperti, affiancati da figure legali di rilievo, hanno toccato i punti più salienti della normativa. C’è poi l’aspetto legato all’elemento distintivo di ESET, ovvero la tecnologia best in class di ESET Endpoint Encryption ed ESET Secure Authentication, due soluzioni in grado di garantire un’efficace tutela dei dati e la compliance al nuovo regolamento europeo.

Di cosa si tratta?

ESET Endpoint Encryption è una soluzione completa di crittografia che si adatta ad aziende di ogni dimensione e consente di ridurre al minimo il rischio di furto e compromissione dei dati. Permette la cifratura completa dell’endpoint crittografando l’intero disco a cui si aggiunge la crittografia dei supporti rimovibili per qualsiasi dispositivo di archiviazione mobile come usb, cd, dvd e hard disk esterni.
ESET Secure Authentication è invece un sistema di autenticazione a due fattori che elimina i rischi di violazione causati da furti degli account di accesso o dall’uso di password deboli. Richiedendo un secondo meccanismo di autenticazione, che avviene attraverso una one-time password (OTP) ricevuta tramite applicazioni mobili, SMS o token hardware, il software protegge l’accesso remoto alla rete aziendale e ai dati sensibili presenti in diverse appliance, che le aziende quotidianamente utilizzano per il loro business.

 

ESET Italia

https://encryption.eset.com/it/

info.gdpr@eset.it


Potrebbe interessarti