Home / Interviste / La stampa digitale di HP a Converflex

La stampa digitale di HP a Converflex


Tra le storie di successo presentate, le campagne di Coca-Cola per personalizzare le etichette in campagne di marketing virale

HP è stata presente all’evento Converflex di Rho Fiera Milano Expo 2015, dedicato alle soluzioni innovative nel settore del packaging, del converting e del labelling, che quest’anno ha visto la compresenza di sei fiere internazionali in contemporanea, dedicate alle tecnologie per il confezionamento e la distribuzione di carne, frutta, prodotti caseari, logistica e movimentazione industriale. Hewlett-Packard è nel business del packaging dal 2001, quando l’azienda ha acquisito l’israeliana Indigo specializzata nella stampa digitale. Il colosso americano si è avvalso della tecnologia di Indigo basata su ElectroInk per la stampa digital offset.

Enrico Monteverdi, HP Digital Press Market Developer Manager Printing and Personal Systems Group

“E’ un metodo che garantisce altissima qualità senza le procedure tecniche tradizionali con lastre di stampa e relativi tempi e costi, perché si stampa direttamente da file”, spiega Enrico Monteverdi, HP Digital Press Market Developer Manager, Printing and Personal Systems Group. Diversissime anche le applicazioni di questa tecnologia, dove i casi di successo più eclatanti sono le campagne “Share a Coke” e “Stay Extraordinary” di Coca-Cola. Nel primo caso si è trattato di una campagna europea, dove sono state stampate 1 miliardo di etichette “Share a Coke with… – Condividi una Coca con…”, selezionando i nomi di persona più diffusi, con l’idea di condividere la bevanda con coloro a cui si tiene di più, e favorire fenomeni di marketing virale. Obiettivo raggiunto, poiché Coca-Cola ha aumentato il volume di business del 4%. La campagna “Stay Extraordinary”, già partita in Europa e che tra poco arriverà in Italia, mira invece a riflettere l’unicità di ogni persona che beve Coca-Cola, stampando etichette del prodotto che siano ognuna diversa dalle altre nella grafica e nel colore.

“Si tratta di un’iniziativa molto appealing per esempio per i collezionisti, ma anche di una grande sfida per i sistemi di stampa”, sottolinea il manager.

HP Indigo è stata individuata come la soluzioni migliore per stampare i contenuti variabili del progetto “Share a Coke”, grazie a criteri tecnici come il peso dell’inchiostro, la corrispondenza del colore, la qualità e la base installata delle stampanti HP Indigo in Europa. Alla fine, la campagna è stata realizzata attraverso il lavoro di 3 mesi di 12 stampanti HP. L’azienda statunitense propone poi soluzioni per supporti ondulati, cartoni pieghevoli, imballaggi, etichette e packaging con i prodotti Scitex e tutta la gamma Indigo. Oltre a ElectroInk, c’è la tecnologia proprietaria HP a getto d’inchiostro. Grazie alla stampa digitale è possibile stampare confezioni in qualsiasi quantità, indipendentemente dalle dimensioni. Esiste inoltre la possibilità di fare imballaggio regionalizzato, con disegni diversi per area, città o quartiere al fine di aumentare la rilevanza, o edizioni limitate.

“La tecnologia HP offre i vantaggi della stampa just-in-time con minore time-to-market, nessuna quantità minima e ogni pacchetto può essere personalizzato in modo diverso da tutti gli altri”, conclude Monteverdi.


Potrebbe interessarti