Home / Senza categoria / Cisco. L’unione fa la forza: il valore della collaborazione

Cisco. L’unione fa la forza: il valore della collaborazione


Cisco presenta le soluzioni Project Squared, IX5000 e BE6000S. Videointervista a Michele Dalmazzoni, collaboration architecture leader di Cisco Italia

cisco collaboration

Cisco prosegue sulla linea della roadmap tracciata la scorsa primavera e propone nuove soluzioni per la collaborazione aziendale, abilitando lo scambio di informazioni tra persone in modalità avanzate secondo un paradigma che la compagnia ha definito “Internet of People”, nell’ottica complessiva dell’Internet of Everything che include anche processi e oggetti nella rete globale delle comunicazioni. Questo in sintesi il messaggio trasmesso dall’azienda nel corso degli annunci di prodotto di giovedì, durante i quali Michele Dalmazzoni, collaboration architecture leader di Cisco Italia, ha spiegato le funzionalità di Project Squared, non una semplice app ma un “progetto basato su cloud e che si fonde con WebEx e Box, per soddisfare le esigenze degli utenti di oggi”. Si tratta di una stanza virtuale aperta alla collaboration sia all’interno dell’azienda che per utenti esterni, con la possibilità di visualizzare documenti senza doverli necessariamente scaricare, e condividere file da cartelle Box attraverso device mobili.

Quali sono i tre vantaggi principali della collaboration e quali le caratteristiche salienti delle nuove soluzioni Cisco?

Michele Dalmazzoni, collaboration architecture leader di Cisco Italia

Michele Dalmazzoni, collaboration architecture leader di Cisco Italia

“Cisco Collaboration offre la possibilità di innovare i processi di business, ottimizzando i processi e riducendo i tempi di go-to-market. Favorisce la produttività, sostituendo allo scambio di informazioni tramite e-mail o telefonate i canali della collaboration e del video, molto più efficaci e immediati. Infine, vengono eliminate le spese per trasferte del personale. Oggi abbiamo annunciato Cisco Project Squared per creare stanze virtuali ‘open’, IX5000 per la video-collaboration immersiva, e BE6000S, che rende accessibili alle PMI soluzioni normalmente destinate solo alle grandi aziende”.

 

 


Potrebbe interessarti